Bass diffidenti? Io consiglio Wacky Rig

wacky rig

Ho già avuto modo di parlare del Wacky rig come terminale per la ricerca dei bass.
In queste righe vorrei evidenziare come questo tipo di innesco sia davvero efficiente e quali tipi di gomme prendere in considerazione.

 

Recentemente, durante una sessione di pesca, ho provato ad insidiare diversi bass in differenti spot con vari inneschi ma solo uno di questi è riuscito a stimolare l’attacco da parte del predatore: il wacky rig.

Tanta la semplicità di questo innesco, tanto il potenziale di cattura.
Secondo me, gli aspetti fondamentali per riuscire nel nostro intento sono due:

  • lenza o terminale in fluorocarbon
  • massima morbidezza dell’esca in silicone.

Il fluorocarbon, grazie alla sua caratteristica di essere poco visibile o addirittura invisibile permette di “ingannare” la vista del predatore facendogli focalizzare tutta la sua attenzione sull’esca. Inoltre, il fluorocarbon non è galleggiante e dovendo pescare spiombati, questa caratteristica aiuta l’esca nel suo affondamento. L’affondamento deve essere il più naturale possibile.

La morbidezza dell’esca invece, è molto importante perchè un’esca troppo rigida non la si riesce ad animare correttamente sfruttando l’azione della punta della canna. Un’esca rigida andrebbe forzata troppo e questo potrebbe interrompere bruscamente la discesa verso il fondo dell’esca rendendola quindi non reale.

Per concludere…
Cerchiamo di essere discreti, quasi invisibili; diamo vita alla nostra esca sfruttando al massimo la nostra sensibilità. La ferrata non mancherà!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply